Salvagente
Salvagente

Un’altra operazione è stata condotta dalle unità navali coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera che ha messo in salvo ancora una volta delle vite umane che probabilmente avrebbero avuto diversa sorte se non fossero state salvate. L’operazione questa volta ha visto salvati 766 i migranti tratti in salvo nel Mediterraneo Centrale, in 7 diverse operazioni di soccorso coordinate dalla Centrale Operativa della Guardia Costiera a Roma, del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Durante le operazioni, avvenute in presenza di difficili condizioni meteomarine, è stato recuperato anche il corpo di una donna privo di vita. I migranti, che si trovavano a bordo di 5 gommoni e 1 barchino e 1 natante a vela, sono stati soccorsi da Nave Dattilo CP940 della Guardia Costiera, dall’unità spagnola Rio Segura operante sotto il dispositivo Frontex, le unità Topaz Responder e Phoenix dell’ONG MOAS, dalla nave Vos Hestia di SaveTheChildren e dall’unità Iuventa dell’ONG Jugend Rettet. Sono operazioni che sono condotte di buon grado n quanto si tratta sempre di esseri umani pertanto secondo le leggi del mare non devono soffrire le indigenze che già vivono lasciando le loro terre con molte difficoltà. Una logica che però spesso non si riesce a comprendere da parte delle altre nazioni europee.

(Visited 32 times, 1 visits today)